Contenuto principale

Messaggio di avviso

Panorama di Oria
Collocazione geografica
Giornata dei "Diritti dei bambini"
Giornata dei "Diritti dei bambini": Inno alla gioia.
Laboratori scuola primaria
Laboratori scuola secondaria 1° grado
Eventi: Tognolini incontra gli alunni della scuola primaria
Laboratorio scuola secondaria 1° grado
laboratori pimaria
Lezioni con Bee bot

Corretta alimentazione per una corretta digestione: conoscere per crescere in salute” è il titolo dell’evento didattico- formativo realizzato dalla Scuola secondaria di I grado “E. Fermi”, tenutosi giovedì 22 febbraio 2018 dalla Dott.ssa Elena Conte, biologa esperta di nutrizione e ricercatrice presso il Dipartimento di Farmacia- Scienze del Farmaco dell’Università degli studi di Bari.

La biologa, nota al territorio oritano e molto apprezzata dalla nostra istituzione scolastica, ha illustrato in maniera chiara ed esauriente il complesso tema dell’alimentazione, evidenziando il percorso che compie il cibo nel corpo umano e la conseguente trasformazione in energia e nutrimento per il nostro organismo, una volta approdato nell’apparato digerente. Di seguito l’attenzione dell’esperta è stata rivolta all’importanza di acquisire un corretto programma salutare finalizzato all’assunzione di un ideale stile di alimentazione. La dottoressa ha ribadito più volte  che i bambini fin da piccoli devono essere abituati  ad alimentarsi in maniera seria e consapevole, in quanto la loro evoluzione è determinata dall’acquisizione di abitudini naturali che debellano la scorretta tendenza alla sovralimentazione e alla scelta di cibi ipercalorici e potenzialmente dannosi. La dottoressa ha  dunque enfatizzato la necessaria quanto indispensabile acquisizione di una educazione alla salute, che insegni e stimoli ad un’alimentazione corretta cominciando dalla migliore conoscenza del cibo che ogni giorno mangiamo e ha lodato l’iniziativa promossa dalla nostra scuola, in quanto la stessa, quale agenzia educativa, contribuisce a far voltare pagina alle nuove generazioni di studenti e di insegnanti, preparati a rispettare lo stato di  benessere fisico, psichico e sociale indispensabile per la crescita dei futuri Cittadini.

L’entusiasmo della relatrice è emerso, sincero e naturale, di fronte ai prodotti didattici realizzati dagli alunni, il cui costante interesse e la cui lodabile preparazione hanno fatto da cornice all’evento stesso.

La sala, suddivisa in laboratori itineranti, ha visto gli alunni gestire in perfetta autonomia le attività da loro elaborate. La piramide alimentare in formato tridimensionale, che ha rubato letteralmente la scena dell’evento, per originalità e bellezza, ha contribuito ad approfondire l’argomento sugli alimenti che garantiscono l’equilibrio nutrizionale e lo stato di salute ottimale, mentre l’angolo della propaganda alimentare ha permesso di ribadire, tra slogan alimentari in italiano ed in inglese, espressi con battute ironiche, serie e semi serie, il diritto al cibo sano e la necessità del rispetto della migliore qualità alimentare. Ed ancora il decalogo delle buone abitudini alimentari, risultato di un percorso laboratoriale finalizzato alla prevenzione di alcune malattie come l’obesità, il diabete e le malattie dell’apparato cardiocircolatorio, ha rappresentato lo strumento adatto per riflettere sul ben noto concetto espresso dal filosofo tedesco Ludwig Feuerbach e che viene puntualizzato nella frase “Siamo quello che mangiamo”. L’angolo della frutta fresca ha poi valorizzato l’importanza di fare al mattino una sana e nutriente colazione per affrontare la giornata con il giusto apporto di vitamine e calorie.

L’incontro ha voluto inoltre valorizzare il ruolo determinante nella nostra alimentazione dei prodotti agro- alimentari locali, nel rispetto della stagionalità degli stessi e della riscoperta delle tradizioni gastronomiche locali, quelle che comunemente erano utilizzate dai nostri nonni e, che purtroppo, sono poco conosciute e difficilmente proposte dalla moderna arte culinaria. Un viaggio nel passato più remoto alla scoperta degli antichi e sani sapori ha favorito una lettura nuova e curiosa dei prodotti antichi.

La dimostrazione pratica relativa alla realizzazione di pasta fresca, a cura di una docente di matematica e scienze, la formazione del lievito madre, preparato in classe seguendo la giusta proporzione degli elementi naturali che lo formano, hanno suscitato contemporaneamente l’ammirazione e la meraviglia di alunni e di genitori, ben contenti che l’intervento della docente fosse principalmente finalizzato alla comprensione dell’equilibrio alla base del rapporto uomo-natura. L’attiva partecipazione dei genitori è risultata altresì lodevole, in quanto gli stessi hanno un ruolo determinante nell’alimentazione dei propri figli, perché ne curano sia l’aspetto nutrizionale che quello affettivo.

Lo scopo della giornata è stato proprio quello di far acquisire atteggiamenti e comportamenti condivisi, in una logica educativa di apprendimento attraverso il sinergico connubio del fare e dell’agire diretto.

Quando competenza e professionalità sono completamente al servizio degli alunni, eventi di tale portata contribuiscono rispettivamente al successo formativo e al concreto arricchimento del percorso didattico istruttivo dell’alunno stesso.